Gli attrezzi per il taglio meccanico usano la forza fisica o abrasiva, spesso applicata manualmente, per ottenere l’effetto desiderato. Questo include attrezzi come seghetti a mano, cesoie, scalpelli o molatrici. La dimensione di questi attrezzi può variare. Gli attrezzi più piccoli sono più semplici da trasportare ma gli attrezzi più grandi sono quelli che hanno una migliore capacità di taglio.

Seghetto a mano – una sega con denti fini progettata specificamente per il taglio dei metalli. La capacità di taglio dipende da due fattori: il materiale della lama e il numero di denti per pollice. Una lama con più denti per pollice (ad esempio 32 tpi) ha denti più sottili per tagliare metalli sottili, mentre una lama con meno denti per pollice (ad esempio 16 tpi) ha denti più grezzi per tagliare metalli più spessi come i tubi.

In aggiunta allo spessore del metallo, bisogna considerare anche il tipo di materiale da tagliare. La regola generale da seguire è che il metallo duro richiede una lama con denti più sottili, mentre una lama con denti più grezzi funziona meglio sul metallo più morbido e malleabile.

Seghetto alternativo – sega stretta e lunga che taglia con moto alternativo (avanti e indietro). Queste seghe, chiamate “Sawzall” dal nome di un famoso marchio, sono disponibili in versioni con fili, senza fili e alimentate ad aria che assomigliano a un trapano. Una sega senza fili è chiaramente l’opzione più portatile. Tuttavia, è anche la versione meno potente e più pesante a causa della batteria.

Sega circolare – come suggerisce il nome, questa sega ha una lama circolare. Se dotate di una lama speciale per il taglio del metallo, queste seghe possono tagliare metalli fino a 25 mm di spessore a velocità ragionevoli e con un’eccellente qualità dei bordi.

Cesoie – spesso chiamate cesoie ricurve, sono disponibili in una vasta gamma di modelli. Alcuni hanno manici lunghi e lame corte, molle, manici sfalsati, lame ricurve, ecc. Esistono anche versioni alimentate ad aria e a corrente. Anche se sono molto portatili, le cesoie possono tagliare soltanto i metalli sottili come alluminio e acciaio calibro 16 (1,709 mm) (o più sottile).

Scalpello – lama dritta e lunga con un bordo smussato usata per tagliare legno, pietra e lamiera. Esistono anche scalpelli alimentati ad aria che forniscono una potenza minore. Tuttavia, l’utilizzo sul metallo è normalmente riservato ai casi in cui non sono possibili altri metodi perché lo scalpello tende a lasciare una rifinitura grezza.

Molatrici – attrezzo con fili o senza fili, oppure alimentato ad aria (spesso chiamato Zipsaw) con una lama circolare piatta sull’estremità per affilare o tagliare diversi materiali tra cui il metallo. Se usata per tagliare, la lama o la ruota molatrice più spessa viene rimossa e sostituita con una lama più sottile chiamata ruota di taglio.

Non c’è dubbio che gli attrezzi manuali possono avere molti usi. Sono estremamente portatili, piccoli e spesso autoalimentati. Lo svantaggio, tuttavia, è che questi attrezzi tagliano lentamente e il taglio che ne risulta è in un certo senso grezzo. A causa di questo, gli attrezzi di taglio meccanico si limitano ai casi in cui è richiesto un taglio ridotto e occasionale.

Non sei sicuro di quale sia il processo o il metodo da utilizzare?

Maggiori informazioni utili sono disponibili qui: